Array ( [hide_title] => 1 [hide_tagline] => 1 [logo] => [inline_logo_site_branding] => [retina_logo] => [logo_width] => 70 [top_bar_width] => full [top_bar_inner_width] => contained [top_bar_alignment] => right [container_width] => 1470 [container_alignment] => boxes [header_layout_setting] => contained-header [header_inner_width] => contained [nav_alignment_setting] => left [header_alignment_setting] => center [nav_layout_setting] => fluid-nav [nav_inner_width] => contained [nav_position_setting] => nav-below-header [nav_drop_point] => [nav_dropdown_type] => hover [nav_dropdown_direction] => right [nav_search] => disable [content_layout_setting] => one-container [layout_setting] => no-sidebar [blog_layout_setting] => no-sidebar [single_layout_setting] => no-sidebar [post_content] => excerpt [footer_layout_setting] => fluid-footer [footer_inner_width] => contained [footer_widget_setting] => 1 [footer_bar_alignment] => right [back_to_top] => enable [background_color] => #ffffff [text_color] => #807a7a [link_color] => #807a7a [link_color_hover] => #7b9900 [link_color_visited] => #7b9900 [font_awesome_essentials] => [icons] => font [combine_css] => [dynamic_css_cache] => [font_body] => Montserrat [nav_is_fixed] => 1 [blog_post_title_color] => #807a7a [blog_post_title_hover_color] => #7b9900 [font_heading_1] => Playfair Display [font_heading_2] => Playfair Display [font_heading_3] => Playfair Display [body_font_size] => 16 [body_font_weight] => 300 )

In un magico giardino privato a Monte Mario, davanti a Villa Stuart, Le Serre sono un luogo in cui rifugiarsi in qualsiasi ora della giornata.

“Questo posto ci sta particolarmente a cuore, perchè rappresenta la nostra essenza, a valle di 12 anni di esperienza. Grazie all’aiuto del nostro architetto Andrea Magnaghi e della paesaggista Blu Mambor abbiamo creato un’oasi urbana di verde al confine tra Monte Mario, la Balduina e la Camilluccia. Il nostro angolo di paradiso.” Daniela e Cristina

Il Concept

Il Botanical Garden Restaurant di ViVi nasce all’interno di antiche e splendide serre riportate a nuova vita, circondate da un giardino fiorito, un verde e accogliente riparo in cui respirare la calma e la semplicità del silenzio e della pace, gustando i sapori di ViVi. La luce naturale che entra dalle grandi vetrate scandisce i ritmi della giornata e accompagna gli ospiti “bioviziosi” da mattina a sera.

Le Serre cambiano anche con le stagioni: in estate sono un fresco salotto con un piacevole e rigoglioso giardino fiorito e in inverno diventano un winter garden caldo e luminoso, addolcito dalla luce di un caminetto scoppiettante: un mondo incantato fatto di vetro, verde e luce.

La storia e il progetto

Le Serre, che si trovano all’interno dei meravigliosi giardini di Villa Blumensthil, in zona Monte Mario, di proprietà della famiglia Malvezzi Campeggi, facevano parte di un antico vivaio in cui venivano coltivate e vendute le piante provenienti dalle aziende agricole della Sabina. Un luogo dimenticato e scoperto per caso da Cristina e Daniela, che sono rimaste sin da subito incantate.

Il progetto de Le Serre è firmato dall’architetto Andrea Magnaghi, che ha curato anche gli altri bistrot ViVi e che è riuscito ad interpretare ancora una volta  il concept ViVi – un locale accogliente, di una bellezza sofisticata e curata ma allo stesso tempo informale.

Andrea ha creato uno spazio leggero, arioso ed elegante pensato per far star bene le persone in ogni momento della giornata. Ha saputo brillantemente mantenere l’antica anima di vivaio pur essendo stato completamente ricostruito utilizzando materiali modernissimi ad alta contenimento energetico con vetri UV, una struttura portante in ferro che ha permesso di non avere intralci in mezzo alla sala, pareti divisorie tutte in vetro o specchio e tende microforate che mettono in ombra il vetro garantendo freschezza d’estate.

Conservare il concept architettonico originario delle serre e del vivaio era l’obiettivo del progetto di ristrutturazione così come il verde che l’avrebbe abitato; sono state create grandi vasche di corten traboccanti di piante che ricordano le vasche di vendita dei vivai.

La struttura dai tagli modernissimi è stata sapientemente ‘amalgamata’ a mobili decisamente retrò rimaneggiati con colori pastello; le stoffe delle sedute sono colorate e femminili, il bancone centrale del 1910 è stato completamente restaurato inserendo un top di vetro rosa ed impreziosito con bordi in ottone. La sala è decorata con molti oggetti in vetro, grandi vasi che donano un tocco “a casa tua”  della serra grande.

Uno spazio luminoso da cui non si vorrebbe mai andare via, romantico, moderno, arricchito da pezzi unici provenienti da diverse parti del mondo, frutto di una sapiente scelta dell’architetto insieme all’arredatrice Anna Aliprandi di Marzotto.

Le parole d’ordine per il Mood ViVi è retrò, colorato, luminoso! Le coloratissime sedie africane realizzate con il nylon riciclato dalle canne dei pescatori, le lampade di fine seta cinese prodotte in Portogallo, le vecchie macchine da cucire Stinger utilizzate come base per tavoli, i bellissimi pezzi di modernariato tra cui la grande cartoleria di inizio Novecento che arreda la serra principale, creano un’atmosfera autentica, vissuta ed informale. E poi le sedie marocchine in paglia intrecciata, il tavolo sociale centrale a righe colorate, il salottino con le poltrone di velluto… tutto trova una sua armonia estetica in uno spazio contemporaneo.

Il ricco giardino mediterraneo che circonda il locale è una parte fondamentale del progetto. È stato ideato grazie all’esperienza della paesaggista Blu Mambor a cui è stata affidata l’anima verde de Le Serre. Un ulivo storico presidia l’entrata de Le Serre, mentre all’interno, nel giardino che avvolge i tavoli esterni propagandosi poi verso l’interno della villa, alberi di fico, di pesche, arbusti mediterranei, fiori, cespugli profumati, piante aromatiche e bacche popolano il salotto open air de Le Serre, creando una magia di odori e colori che inebria l’ospite.

Il nostro simbolo?
La farfalla, perchè rappresenta la gioia e la leggerezza. Perfetta in un mondo di verde e luce come il nostro.

Le Serre – Eventi Privati

Spazi Interni

Serra Grande: 58 coperti seduti (80 pax no covid)

Il cuore de Le Serre: il nostro splendido ristorante bio fatto di vetro, verde e luce è aperto a pranzo e a cena
ed offre una pulsante e vivace cucina mediterranea con ispirazioni dal mondo. Qui troverete tutti i sapori
bioviziosi di ViVi, ma con un tocco in più. All’ombra degli alberi o davanti al caminetto scoppiettante.

American Bar: 14 coperti seduti (25 in piedi no covid)

Salottino riservato, leggermente rialzato rispetto alla Serra grande, arredato con deliziosi divanetti e sedute
basse.

Serra Piccola: 12 coperti seduti (18 seduti / 25 in piedi no covid)

Completamente indipendente e distaccata dalla Serra grande, questa accogliente scatola di vetro piena di charme è uno spazio perfetto per un pranzo o riunione intima. Si affaccia sugli splendidi giardini delle Serre ed è arredata con carta da parati tropicale e raffinati mobili di recupero.

I Giardini de Le Serre

Giardino AFRICA con pergola coprente: 54 coperti seduti

La zona Africa è un delizioso giardino appartato rispetto al resto del locale, suddiviso in tre zone delimitate da grandi fioriere profumate. Questa zona è ideale se si vuole organizzare un evento più appartato pur rimanendo legati all’atmosfera generale delle Serre. Decorato con sedie colorate di un designer Franco-Togolese dal recupero di fili colorati da pesca, basi dei tavoli dal recupero di vecchie macchine da cucire Singer coloratissime e affascinanti tavoli in ferro di recupero.

  • Zona 1 – 5 tavoli da 2 (Singer) seduti 10 – 100 euro uso esclusivo della zona
  • Zona 2 – 3 tavoli da 6 tondi seduti 18 – 150 euro uso esclusivo della zona
  • Zona 3 – 6 tavoli da 6 seduti 36 – 250 euro uso esclusivo della zona

Giardino del PESCO e Giardino del FICO: 48 coperti seduti ciascuno

L’area centrale dell’ex piazzale del vivaio è stata suddivisa in due zone (Giardino del Pesco e Giardino del Fico) da affascinanti fioriere in ferro corten con alberi da frutta, colorate erbacee e piante stagionali sapientemente scelte dalla paesaggista Blu Mambor. Enreambi i giardini – speculari – sono dotati di ampie tendostrutture moderne (apribili o meno, a piacimento) di un elegante cotone color mattone. Il décor spazia dalle sedie colorate di design franco-togolese assemblate recuperando fili da pesca dai colori sgargianti, ai tavoli in ferro corten o di pietra grigia naturale. Durante la stagione invernale (o in caso di scroscio estivo) le tendostrutture sono interamente chiudibili e riscaldabili con radiatori a infrarossi.

Il Prato delle Magnolie: 50 coperti stile picnic (80 in piedi no covid)

Uso esclusivo della zona, incluso allestimento con tappetoni, cuscini e tavolini bassi Il prato sotto agli alberi di magnolia (500 mq circa) è una zona completamente all’aperto riservata per eventi più bucolici e informali, con una zona prato e una zona ombreggiata da alberi di magnolia. Questa zona non può essere coperta, se non con ombrelloni proteggi buffet.